TRUE STORY – SARÒ UN INCAPACE, MA NON SONO SCEMO

L’inizio della storia certamente lo conoscete tutti. E forse anche gran parte dello svolgimento. Sul finale, mi riservo di tenervi un po’ sulle spine.

So che queste mie parole non cambieranno la situazione che io e altri colleghi (sì, per una volta voglio essere sfacciato e designarci come categoria) ci troviamo ad affrontare, però mettere nero su bianco qualcosa che continuamente si ripete nelle vite di decine di migliaia di persone in Italia farà sentire meglio me e, forse, un po’ meno soli gli altri.

Mi chiamo Raul Londra, nome curioso, che magari può sembrare d’arte, ma non lo è. Sulla carta d’identità campeggiano proprio queste due parole. Forse qualcuno delle persone che segue la mia pagina, Writers’ corner, su Facebook o che tiene d’occhio il mio profilo Twitter, si ricorderà vagamente…

Per farla breve, sono a un passo dai venticinque anni, studio medicina e nel tempo libero scrivo. Mi piace leggere, suonare la chitarra, ascoltare musica e guardare film.

No, non preoccupatevi: queste non sono le info che trovate su un sito per appuntamenti. Servono giusto per fare un po’ il punto della questione e per porre l’accento sul fatto che io scrivo per hobby, nonostante adori alla follia questa mia necessità, e non sia un autore per lavoro.

Ho cominciato a scrivere all’età di 12 anni, quando frequentavo le medie. La faccenda è cominciata con un compagno che scribacchiava su un quadernetto storie umoristiche di pessimo gusto sulla nostra classe ed io, per non essere da meno, mi sono cimentato in qualcosa per negli anni successivi si sarebbe trasformato in una droga.

Detto questo, svelo subito anche una parte dello svolgimento della storia: ho pubblicato. Già, ho avuto la fortuna di vedere il mio nome stampato sulle copertine di ben tre libri e inserito accanto al titolo di quattro racconti che circolano o circoleranno sul web. Sono stato fortunato, devo ammetterlo. Una piccola casa editrice che non chiedeva contributi per la pubblicazione mi ha contattato dopo alcuni mesi da che avevo spedito il mio primo libro e mi ha offerto un contratto di pubblicazione. Poi, l’anno successivo ne è arrivato un altro, di contratto. E poi un terzo.

Con queste persone ho pubblicato due antologie di racconti e un romanzo: Memorabilia, Lupus et agnus e Vindica te tibi. Titoli un po’ classicheggianti, retaggio liceale che soltanto di recente sono un po’ riuscito a limare. Non richiamano molto, lo so. Copertine, spero darete loro un’occhiata, piuttosto cupe e non molto di richiamo, forse per i gusti di alcuni.

Fatto sta che io accettai di intraprendere questa collaborazione ben quattro anni fa, nell’agosto del 2011, per poi vedere il mio primo libri pubblicato a maggio 2012. Fu una bella soddisfazione, non lo nego. Organizzammo una presentazione in una libreria vicino al mio paese e poi mi detti da fare per chiedere un permesso alla biblioteca comunale. Inutile dire che tutto andò ben oltre le più rosee aspettative dei miei editori, ma per me non era abbastanza.

Nei due anni successivi, con gli altri due libri, il boom non si ripeté. Le vendite calarono, il pubblico diminuì e le fiere non richiamarono più così tanta gente. Risultato: pieno di speranze, inviai il mio quarto libro al suddetto editore, dopo averne contattati altri, e la risposta fu che i miei libri vendevano poco, motivo per cui la casa editrice non poteva permettersi di pubblicarmi ancora.

Rimasi interdetto. Da un punto squisitamente economico, capivo. Non puoi spendere soldi se non hai guadagni. Non puoi investire se non ricavi nulla dall’investimento precedente. Logica ineccepibile, e va bene. Ma io?, mi chiesi. Che centravo io con tutto questo?

Cercai di darmi più volte una risposta decente e più volte fallii. Provai a pensare come avrebbero pensato i miei editori e infine parlai direttamente con loro per comprendere il motivo per cui le vendite scarseggiassero e i miei libri non richiamassero più, o forse non avessero mai richiamato, i clienti. Be’, loro non me lo dissero esplicitamente, ma io lo intuii. La morale della favola dello scrittore che pubblica è semplice: se nessuno conosce il tuo libro, nessuno lo comprerà mai. Logica ineccepibile, e va bene. Ciononostante la domanda mi sorse nuovamente spontanea. Ma io?, mi chiesi. Che centravo io con tutto questo? Detto fuori dai denti, come sentii dire da un altro editore conosciuto di persona: lo scrittore deve scrivere, mentre la casa editrice deve pubblicare, distribuire e promuovere i libri al fine di venderli. Ognuno ha il proprio lavoro.

La fregatura sta nel fatto che i piccoli e medi editori, con contratti standard del cazzo (perdonate il francesismo), se ne sbattono bellamente di pubblicità e distribuzione: per dirne una, il mio editore non distribuisce, ma spedisce su ordine, checché ne dica lui. Inoltre non pubblicizza, se non portando il mio ultimo libro uscito (poche copie, in effetti) sopra uno dei banconi del loro stand durante le fiere della media e piccola editoria cui partecipa.

Quindi, detto questo, provate a immaginare quante copie del mio libro potrebbero essere acquistate dai clienti. Il numero è ridicolo.

Altra proposta fatta direttamente dall’editore è stata: fai il firma-copie nelle librerie. Ora, per chi non lo sapesse, il firma-copie consiste nel mettersi in un angolo della libreria in questione, con un proprio banchetto e dopo una presentazione, un incontro sul suddetto libro o anche semplicemente per passare qualche ora con i lettori, mentre loro sborsano quattrini (a volte anche troppi) per acquistare il libro, tu, con un sorrisone a sessantaquattro denti stampato in volto, firmi con la tua bella stilografica (se ne hai una) la prima pagina bianca del volume che loro hanno appena comprato.

Tutto bello se non fosse che le librerie disponibili, a volte, dopo un paio di pomeriggi di spediscono via, facendoti capire che non è aria e, secondariamente, non puoi obbligare un cliente ad acquistare qualcosa che non desidera. Il cliente ha sempre ragione.

Ennesima proposta dell’editore: vieni in fiera con noi. Certo! Subitissimo! Se mi stipendi tu e mi dai un fisso al mese, spese e alloggio compresi, allora vengo di corsa! Mi domando se gli editori abbiano idea che cosa significhi per uno che scrive per hobby farsi su e giù per l’Italia per inseguire loro e sperare in un week end di piazzare almeno sei o sette compie di un libro ad altrettanti acquirenti poco interessati. Insomma, può andar bene se decidi di investire il tuo tempo e i tuoi soldi in questa iniziativa privata e per nulla sostenuta da qualcuno, ma in caso contrario…

Per farla breve, in qualunque caso caschi male e tu, scrittore alle prime armi, sei abbandonato a te stesso. Ora sono stato conciso, citando i fatti che più mi sono sembrati significativi, ma sono certo che se mi sforzassi, troverei qualche altro sassolino nelle mie scarpe.

Perché dico tutto questo? Non certo per dissuadere dai loro propositi tanti buoni scrittori alle prime armi come me che altrimenti si taglierebbero tutte le vene che hanno in corpo lasciando da parte la loro grande passione. No, come ho specificato all’inizio, lo faccio per rendere note alcune cose che ai profani paiono cavolate o bufale inventate di sana pianta.

L’editoria non è un mondo tutto rose e fiori e per scrivere un libro, di qualunque cosa si tratti, non è sufficiente sapere mettere insieme qualche migliaio di parole e contattare un editore compiacente come quelli a pagamento. Scrivere un libro è molto di più e tante persone, me compreso, lo fanno soprattutto per stare meglio con se stesse. Io scrivo per il mio divertimento personale, per sentirmi grande e per fare qualcosa che migliorerebbe il mio mondo e la mia giornata. Gli altri non lo so. Forse per la stessa ragione.

Ma tutte queste vane parole, scritte per essere presto dimenticate e spese per non cambiare nulla della frustrante situazione dell’editoria italiana e dei fenomeni momentanei che lasciano il tempo che trovano, le ho messe insieme perché sono triste e sconsolato. Sono deluso dallo status quo dell’editoria italiana che ha stuprato e quasi ucciso l’ars letteraria, che ha fatto proliferare come tanti batteri scrittori che non meritano, marci pensatori liberi che sono eruditi e non colti e personaggi new age che al solo sentirne il nome mi viene il voltastomaco.

Scrivo da metà della mia vita e certamente ho passato anni a buttare giù porcherie, ma oggi, a furia di leggere e di esercitarmi con costanza, sono migliorato. Sono diventato uno scrittore diverso e forse più maturo di un tempo. Ho consapevolezza di ciò che scrivo e del perché lo scrivo, di ciò che voglio dire e per chi lo sto dicendo. Forse queste non saranno considerazioni necessarie per fare di me un autore famoso o che pubblicherà best-sellers, non mi faranno diventare una persona migliore ma di certo mi aiutano a non perdere la bussola, a non commercializzarmi, a non rovinare ciò che di bello c’era nello scrivere. Come ho detto più su, nel titolo, come scrittore sarò anche un incapace, a quanto pare agli editori, ma non sono scemo. Puoi portare in giro una pecora con l’anello al naso quanto tempo vuoi, ma quando ti trovi davanti un gregge e non hai il tuo fido cane da pastore, è tutta un’altra faccenda.

Annunci

6 pensieri su “TRUE STORY – SARÒ UN INCAPACE, MA NON SONO SCEMO

  1. Il problema è che siamo in un Paese che non vuole investire sul futuro. L’editoria è solo un piccolo settore, in cui forse la crisi si vede in modo più evidente, ma è così ovunque. Gli imprenditori, ad esempio, preferiscono cambiare operai ogni 3X2, per pagare meno la forza lavoro, con la conseguenza di ritrovarsi sempre pieni di gente incapace (incapace non per proprio deficit, ma perché privata del tempo materiale per imparare una professione). Nel mondo legale, in cui mio malgrado e provvisoriamente mi ritrovo, gli avvocati “formano” (dovrebbero) giovani praticanti/futuri avvocati per due anni (ora un anno e sei mesi, l’energia era troppa) per poi liberarsene appena potrebbero svolgere la professione dando un effettivo contributo, pronti a riprendersi un altro praticante non retribuito a cui far fare le fotocopie. Nel mondo dell’editoria è così, nessuno investe sulle capacità promuovendo qualcosa di valore, investono solo su ciò che gli assicurerà un rientro immediato. Un Paese che non investe sul futuro non va da nessuna parte.

    Liked by 1 persona

    1. Hai assolutamente ragione. La crisi purtroppo in Italia è un po’ dappertutto, come si constata anche nel mondo universitario. Io frequento il quinto anno di medicina in una di quelle che dovrebbero essere le migliori università d’Italia eppure, vuoi per mancanza di fondi, vuoi per incompetenza, vuoi per chissà cos’altro, sembra di trovarsi alla corrida: dilettanti allo sbaraglio.
      Inoltre, anche in ambito medico ci si scontra con personaggi che dovrebbero fare il loro lavoro di medici e tutor per le nuove generazioni e invece non fanno nulla. Risultato, si potrebbe incorrere, in futuro, in generazioni di medici poco pratici, per dirla con un eufemismo.
      E per quanto riguarda l’editoria, purtroppo mi ci sono scontrato personalmente, come ho detto nell’articolo. Ci sono piccoli editori, come il mio, che apparentemente si danno un gran daffare perché pubblicano ogni anno decine di nuovi libri, ma poi quando si tratta di fare un passo oltre, di pubblicizzare e di vendere, ecco che tutto crolla come un castello di carte. E io, quando mi sento dire certe cose da persone che fanno un lavoro per hobby o semplicemente perché non percepiscono uno stipendio ma lo fanno gratis et amore, ecco che mi arrabbio, perché significa giocare con il futuro delle persone e prendersi gioco di queste ultime. E io questo lo detesto!
      Spero di trovare più fortuna andando avanti e da qualcun altro.

      Mi piace

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...