IL NERO

Guardai l’orologio che segnava quasi le quattro. Stavo nella mia camera, nel mio letto, a vagare tra i miei pensieri senza riuscire a dormire. Eppure ero stanco. Stanco di quella vita e di tutte le sofferenze che mi portavo dentro. Sulle spalle avevo un fardello insopportabile per chiunque, ma nonostante ciò io andavo avanti, perché non riuscivo in alcun modo a tornare indietro.

Ma anche Atlante un giorno si sarebbe stancato di portare il cielo sulle spalle, gli antichi greci lo sapevano. Si sarebbe stancato e se ne sarebbe andato per cambiare.

La verità era che io non ero un eroe. Probabilmente ero tutto l’opposto. Forse ero il cattivo io, il lupo che attende al fiume il proprio agnello da divorare. Ero un essere umano come gli altri con le mie sfumature di luce e ombra.

Mi chiamavano Nero perché vestivo sempre con abiti scuri o forse perché avevo fatto parecchi occhi neri a molte teste vuote in pochi anni in qualità di guardiano notturno, gorilla al Jolly e altri lavori come quelli che la gente per bene non si sognerebbe neppure di fare.

Una cosa avevo scoperto di saper fare bene: prendere a pugni la gente. Ma quello è il compito più facile. Vivere una vita come le persone normali, tentando di essere normale, quella è la vera sfida. E io non ero più tanto sicuro di esserne capace.

«Un eroe dei fumetti o qualcosa del genere…» dissi, poi sussurrai un nome, il suo nome: «…Simona…» e scoppiai a piangere in silenzio perché il dolore che provavo era mio e di nessun altro.

Piansi finché non venne mattina.

(Tratto dal capitolo 2 – Il Nero, “Lupus et agnus“, Raul Londra)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...