ECHO

Era il pomeriggio inoltrato di una bella domenica soleggiata d’agosto quando Giorgio si svegliò con il mal di testa. Alcuni raggi di sole filtravano dalle persiane chiuse della sua camera da letto e lo infastidivano.

Si alzò e fece un giro per casa. Fin dalla mattina l’emicrania lo aveva tormentato, ma almeno per ora si era un po’ calmata, senza però dar segno di volerlo lasciare in pace. Eppure aveva sognato qualcosa di bello: un bel sogno non avrebbe dovuto renderlo felice, forse?

Come al solito, dopo un sogno, ecco di nuovo la sua desertica nuova realtà. Nulla era cambiato dal giorno prima, nulla sarebbe cambiato il giorno dopo: solo Silvia c’era a rendergli meno odiosa un’esistenza del tutto incolore, nemmeno grigia.

Pensò alla ragazza così intensamente che perse la cognizione del tempo e si scordò addirittura il mal di testa. Quant’era bella! No, bella era ancora dir poco. Lei era molto di più che bella, era stupenda, no, divina, no… non esistevano parole umane per descriverla. Un altro non avrebbe mai capito quello che provava.

Giorgio respirò a fondo. Chiuse gli occhi. Li riaprì.

Eccola lì, proprio davanti a lui. Ma possibile che fosse lei? Fino a un attimo prima non c’era, la casa era deserta. No, non poteva essere un sogno. Era lì, davanti a lui, in carne ed ossa.

Che stupido, si disse, e rise: non c’era nessuno, solo un film della sua mente. L’aveva vista così tante volte che ora riusciva pure ad immaginarsela.

La fissò ammorbidendo lo sguardo che si fece ben presto umido. Tentò di riempire il silenzio martellante con qualche parola ma non riuscì a pronunciare che bisbigli soffocati in gola.

Silvia stava ancora lì, di fronte e lo fissava sorridendo. Giorgio tese in avanti la mano per accarezzarle la guancia ma tutto svanì, lo schermo si fece nero e si udì dalla cucina un trillo di telefono.

(Tratto dal racconto ECHO, “Memorabilia – Storie di un mondo invisibile“, Raul Londra)

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...